L’impero (del bullo di Mosca) vuol colpire ancora

Putin vuole dichiarare guerra all’Ucraina.

E’ da tempo che il cosiddetto “zar” cerca di riprendere il controllo delle ex repubbliche sovietiche, ed in particolare dell’Ucraina che, schiacciata come è tra Russia e Europa, occupa una posizione strategica sia verso Mosca che verso l’Occidente.

Il primo problema tra Russia e Ucraina nasce dalla questione del Donbass ma anche, ripeto, da quello che Kiev vuol diventare, ossia un membro della Nato. Certo, questo metterebbe a rischio alcuni equilibri, ma esiste una gerarchia tra le ragioni difendibili a livello internazionale, e la principale, io credo, è che uno stato autonomo può ed anzi deve decidere da solo con chi stipulare alleanze. Soprattutto se è una vera democrazia come l’Ucraina, un paese cioè dove il presidente è investito della volontà popolare. 

Capisco benissimo che Putin vorrebbe esercitare un controllo più stretto su Kiev ma deve riuscirci con la forza del suo prestigio e delle sue argomentazioni, non certo delle armi.

Il punto è che la Russia con Putin non è diventato un paese attraente, di cui fidarsi. Innanzitutto non è una reale democrazia, basta vedere come Putin sia riuscito a riciclarsi in continuazione al comando con tutta una serie di manovre di cui si potrebbe fare tranquillamente un lungo elenco. In tal senso, una democrazia come l’Ucraina fa bene a diffidare, esattamente come fa, in un quadro leggermente diverso naturalmente, Taiwan con la Cina. Questo tanto per incominciare. 

A partire dagli anni Novanta del secolo scorso, dopo il crollo del Muro di Berlino, la Russia avrebbe potuto inaugurare un “Nuovo Rinascimento” per l’Europa orientale, ossia un periodo di vera democrazia e di vera crescita economica. Ed invece cosa è successo? Che Putin ha azzoppato la democrazia in Russia e ha bloccato di fatto la crescita del mercato riservando a pochi oligarchi la gestione del settore per poterli controllare. Infatti, per uno che ragiona come Putin, ossia da ex agente segreto sovietico, il libero mercato è l’anticamera della liberaldemocrazia reale, ossia di quella pianticella che, piantata da Eltsin, è stata travolta dal bullo dello FSB (ex KGB). Se la Russia fosse cresciuta come avrebbe dovuto sarebbe potuta entrare, teoricamente, pure nella Nato. Voglio dire: l’alleanza atlantica è nata per una contrapposizione ideologica tra comunismo, rappresentato dall’Urss, e capitalismo, rappresentato dagli Usa. Alla fine il comunismo è crollato e la Russia, di gran lunga il principale paese dopo il crollo dell’Unione sovietica, si è convertita al capitalismo. Essendo venuta meno la ragione della divisione in blocchi ideologici si sarebbe potuta aprire una nuova stagione in Europa, con la Russia che avrebbe potuto crescere insieme con i paesi occidentali non sono in un’alleanza militare ma nell’Unione europea in primis (sebbene entrarci sarebbe stato molto complicato). 

Ma se lo sviluppo del libero mercato fa paura a Putin figurarsi una vicinanza eccessiva con la parte più democratica del pianeta, ossia l’occidente dell’Europa. 

Putin sapeva dall’inizio di aver bisogno di continue tensioni per rimanere al potere, per giocare insomma su vari tavoli a seconda di come tirava l’aria di volta in volta. Quindi la Russia che oggi conosciamo è innanzitutto una sua creatura, una potenza economica quasi tutta fondata sugli idrocarburi e sull’industria militare. Quest’ultima gli serve non solo per mantenere un esercito potente da utilizzare quando occorre, ma per sviluppare una geopolitica che alle esportazioni di armi – attività in cui la Russia è seconda al mondo dopo gli Usa – leghi il controllo di certe zone del pianeta cruciali per il prezzo di gas e petrolio, fondamentale per Mosca. E’ insomma una politica di potenza quella che persegue Mosca con Putin, ossia una dimensione capace di sostituire, agli occhi di molti russi conservatori, la vecchia politica di contrasto ideologico con l’Occidente: prima, con l’Urss, ci si opponeva al capitalismo, oggi ci si oppone alla potenza americana e occidentale in nome del proprio prestigio, della propria grandezza e, insomma, del proprio posto al sole (per non parlare, ovviamente, della propria sicurezza: scusa piuttosto fiacca quest’ultima, però, considerato che Putin sa benissimo che l’Occidente non solo non avrebbe alcun interesse ad attaccare Mosca, ma avrebbe ben poco speranze di farlo con successo se il prezzo è un conflitto nucleare). 

Peccato che non sia Putin la persona migliore per coltivare sogni di gloria: il prestigio della Russia con lui è crollato, sembrando, agli occhi di molti occidentali, una repubblica delle banane; per quanto riguarda il proprio posto al sole, e la propria grandezza, la Russia avrebbe potuto mostrarla aumentando la propria forza economica, finanziaria e anche, perché no?, demografica, seguendo logiche che però, ripeto, non convenivano al bullo di Mosca. Del resto se la Russia non cresce economicamente, pur avendo un potenziale enorme, è ben difficile che cresca demograficamente, seguendo essa in questo quanto già succede nel resto del continente europeo: anche in Italia, si sa, la mancata crescita dell’economia, e la sua incertezza, non aiuta lo sviluppo demografico. Ed insomma, l’idea che Putin stia solo cercando di difendere il proprio spazio d’influenza è sbagliata sul nascere proprio perché sul nascere è sbagliata quella per cui egli abbia sempre lavorato per difendere gli interessi del proprio paese. 

In realtà egli ha sempre difeso i propri, di interessi, a partire dal fatto che non ha sostenuto la democrazia, ed anzi l’ha affossata. Naturalmente, non vale qui neppure discutere la tesi putiniana secondo cui la democrazia non sia un sistema politico adatto a tutti i paesi (certo che non lo è, se lui vuol fare il dittatore!); né quella, ipotizzata da molti, per la quale far rivivere l’Urss impadronendosi delle ex repubbliche sovietiche sia un bene per la Russia attuale, dato che di certo tale progetto non la renderebbe più democratica, ed anzi sposterebbe indietro le lancette della storia in maniera tragica. 

Ovviamente l’alleanza atlantica non è un’associazione di beneficenza, sia chiaro, e ha i suoi interessi a “inglobare” l’Ucraina: ma c’è modo e modo di farlo, e anche se si trattasse di interessi non sempre pulitissimi, diciamo così, è proprio in questo caso, in quello cioè del rapporto tra Ucraina e Russia, che ogni riserva viene a cadere, non foss’altro perché da una parte c’è un paese con una democrazia reale, dall’altro no. 

Putin lo sa bene, e fa finta di non capirlo. Dopodiché dice che tutti gli occidentali devono comprendere il pericolo attuale per l’Ucraina dovuto alle rigide posizioni europee ed americane, quando è lui, e soltanto lui, che, dopo aver mantenuto la Russia in una situazione di relativa povertà economica e politica ma di grande spinta imperialista, reagisce nell’unico modo che conosce, ossia quello fondato sulla prepotenza, sulla prevaricazione e sulla minaccia peggiore, quella atomica. A lui piacciono le dittature come quella di Lukashenko, o come quella di Cuba, dove vorrebbe collocare, avverte con tono minaccioso, dei missili nucleari per rispondere a quelli americani troppo vicini al suo territorio. 

Peccato che gli Usa di Biden i missili li mettano in paesi democratici, al contrario della Russia: sarebbe interessante capire, infatti, se una Cuba diventata finalmente democratica avrebbe piacere di installare sul proprio territorio dei missili russi puntati contro gli Stati Uniti. In ogni caso la Russia sa bene di non poter installare missili nucleari sull’isola caraibica se non vuole ripetere il celebre scontro tra Kruscev e Kennedy. 

E sa anche che la Nato possiede già delle armi nucleari su suolo europeo in quanto è un’alleanza dove alcuni membri del vecchio continente sono potenze atomiche che non devono chiedere né a Washington né tanto meno a Mosca dove mettere i propri missili. Il fatto che ve ne siano anche molti americani in aggiunta è solo per riequilibrare il rapporto con quelli russi. Che poi quest’ultimi non vogliano l’Ucraina nella Nato per evitare il rischio di un attacco nucleare da vicino ci riporta al discorso per cui nessuno ha interesse a bombardare Mosca, né da vicino né da lontano, e non si capisce perché se la Russia può bombardare l’Ucraina da vicino non possa valere il principio inverso, anche considerato che la prima non è più da tempo un democrazia reale mentre la seconda sì.

Nel trattato dell’Alleanza atlantica non c’è scritto che un paese vale più di un altro, e che si possa sacrificare, nell’eventualità, Kiev per Washington. Del resto è Mosca stessa che non vuole questo, accontentarsi di radere al suolo Kiev al posto di Washington se Mosca venisse attaccata dalla Nato. Forse Mosca dovrebbe convincere il Messico o il Canada ad accogliere i propri missili nucleari sul proprio territorio. A parte le (amare) battute, in realtà se un paese entra nella Nato ha lo stesso diritto di avere i missili nucleari di quanto ne hanno gli Stati Uniti. Ed è questo, immagino, uno dei motivi per cui nessuno era entusiasta di una richiesta di adesione di Kiev alla Nato, che infatti nessuno ha ancora accettato né in Europa né in America, per evitare risposte inconsulte da parte di Mosca. Quelle che infatti vediamo arrivare in questi giorni in una sorta, questa sì, di isteria collettiva, isteria per me più recitata che reale dato che, ripeto, Mosca sa che l’Occidente non ha interesse ad attaccarla.

L’Occidente è relativamente ricco, stabile, in crescita: perché dovrebbe buttare via tutto per uno scontro con Mosca? Mosca avrebbe meno da perdere, almeno da un punto di vista economico, anche perché non credo che la ricostituzione dell’Urss a cui mira Putin oggi cambierebbe molto la posizione della Russia nel mondo dove l’economia avanzata ha un valore ancora maggiore che nel passato. 

Putin sta insomma giocando una partita solo e soltanto per il proprio destino personale – come al solito, aggiungerei -, destino che purtroppo ha legato in maniera indissolubile ad un nuovo imperialismo militare e politico, non economico. 

Ed è questo che ci deve far paura, e deve far riflettere chi, in Italia, ha mostrato per anni, in maniera superficiale e sciocca, da mediocre politico, simpatia e stima per il bullo di Mosca. 

E’ chiaro quindi che l’imperatore è nudo: alla vecchia contrapposizione tra comunismo e capitalismo in Russia, grazie a Putin, si è sostituita quella tra dittatura e democrazia.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Inizia con un blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: